Mercoledì della I settimana del Tempo Ordinario

casa-di-pietro-cafarnaoOmelia 2016

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Omelia 2017

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Nel primo buio dopo il tramonto Gesù sprigiona la sua potenza taumaturgica ed esorcistica. Il luogo è Cafarnao dove Pietro aveva la sua casa. È davanti a questa casa, che ancora oggi si può vedere a due passi dalla sinagoga, che quella notte Gesù inizia a guarire e a liberare. Inizia perché le ore passano ed evidentemente non riesce fisicamente a farlo con tutti. Lo capiamo dal fatto che al mattino presto di nuovo “cingono d’assedio” la casa, ma Gesù non c’è più. Pietro evidentemente si trova in imbarazzo dovendo rispondere alle richieste pressanti dei suoi stessi paesani. Inizia a braccare Gesù mettendosi sulle sue tracce e trovatolo le parole tradiscono questa sua agitazione: “Tutti ti cercano!”. Pietro da per scontato che Gesù dovesse tornare in centro paese e ricominciare a guarire e liberare quei poveri malati e indemoniati rimasti delusi la sera precedente per essere stati congedati perché troppo tardi. Gesù dopo questa lunga preghiera davanti al Padre riordina le priorità in funzione della Missione affidatagli: la predicazione è più importante della guarigione e degli esorcismi. Gesù per amore del Padre va oltre alla delusione di Pietro e a quella più drammatica di quei poveretti. Occorre sempre considerare come Gesù non cambi e quindi anche oggi cose buone che per noi evidentemente sono priorità assolute non è detto lo siano anche per lui.

Vangelo Mc 1, 29-39
Dal vangelo secondo Marco
In quel tempo, Gesù, uscito dalla sinagoga, subito andò nella casa di Simone e Andrea, in compagnia di Giacomo e Giovanni. La suocera di Simone era a letto con la febbre e subito gli parlarono di lei. Egli si avvicinò e la fece alzare prendendola per mano; la febbre la lasciò ed ella li serviva. Venuta la sera, dopo il tramonto del sole, gli portavano tutti i malati e gli indemoniati. Tutta la città era riunita davanti alla porta. Guarì molti che erano affetti da varie malattie e scacciò molti demòni; ma non permetteva ai demòni di parlare, perché lo conoscevano. Al mattino presto si alzò quando ancora era buio e, uscito, si ritirò in un luogo deserto, e là pregava. Ma Simone e quelli che erano con lui, si misero sulle sue tracce. Lo trovarono e gli dissero: «Tutti ti cercano!». Egli disse loro: «Andiamocene altrove, nei villaggi vicini, perché io predichi anche là; per questo infatti sono venuto!». E andò per tutta la Galilea, predicando nelle loro sinagoghe e scacciando i demòni.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

About admin