Sabato della XXV settimana del Tempo Ordinario

fiori-ammirazioneOmelia 2015

Omelia 2017

Mentre tutti erano ammirati di tutte le cose che faceva, Gesù disse ai suoi discepoli
Gesù ha avuto successo. Tutti erano ammirati di tutto quello che faceva. E Gesù parla ai suoi discepoli anche di questo. C’è il livello dello folla e quello dei discepoli. Un discepolo conosce cose di Gesù che la folla non conosce perché Gesù le dice a lui e non a tutti. Gesù non parla sempre a tutti. Anche i veri amici di Gesù essendo uniti a Lui riservano parole ai soli discepoli.
Mettetevi bene in mente queste parole …
Da questa espressione “mettetevi bene in mente” capiamo che altre cose avevano in mente i discepoli. Affascinati, ingolositi dall’applauso, dall’ammirazione suscitata da Gesù, il loro pensiero deraglia. Sognano secondo le categorie del mondo. Gesù faceva tutte cose che suscitavano ammirazione in tutti e Gesù stesso mette in guardia. Il santo unito a Gesù inevitabilmente, suo malgrado, fa tante cose che suscitano l’ammirazione di tutti, ma questo non deve illudere.
… il Figlio dell’uomo sta per essere consegnato nelle mani degli uomini
Gesù ribadisce che questa gloria attribuita dagli uomini è effimera, è di breve durata. Un giorno disse che questa gloria data dagli uomini agli occhi di Dio è detestabile. Dio detesta la gloria che gli uomini danno ad altri uomini. Gesù lo sa e nel segreto dice ai suoi discepoli: non fatevi ingannare. Non illudetevi.

Essi però non capivano queste parole: restavano per loro così misteriose che non ne coglievano il senso, e avevano timore di interrogarlo su questo argomento.
Questa osservazione registrata da Luca, dopo aver interrogato decine e decine di discepoli, ha l’evidenza della storia e della verità. È una fotografia vera perché non inventabile a tavolino. I discepoli di oggi e di ieri non vogliono sentir parlare di croce. La croce è così misteriosa da non coglierne il senso. Anzi pur di non rinunciare all’illusione di un discepolato affascinante e glorioso smettono di fare domande su questo argomento.

di Padre Maurizio Botta C.O.

 

Vangelo Lc 9, 44-45

Dal vangelo secondo Luca.

In quel tempo, mentre tutti erano pieni di meraviglia per tutte le cose che faceva, Gesù disse ai suoi discepoli: << Mettetevi bene in mente queste parole: Il Figlio dell’uomo sta per esser consegnato in mano degli uomini>>. Ma essi non comprendevano questa frase; per loro restava così misteriosa che non ne comprendevano il senso e avevano paura a rivolgergli domande su tale argomento.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

About admin