Martedì della XIII settimana del Tempo Ordinario

Audio Omelie

30 Giugno 2015


Visto che una grande folla lo seguiva… Gesù ribadisce le condizioni radicali del discepolato.  Così il Vangelo di ieri. Ancora più stupore allora nasce da una lettura attenta del Vangelo di oggi. Quelli sulla barca sono già discepoli scelti, un gruppo ristretto che vive gomito a gomito con il Maestro. Questa “prova della barca” non è per tutti, questo approfondimento della loro fiducia in Gesù è proprio solo per loro.

Gesù è presente , c’è, dormiente sulla barca sconvolta, ma c’è. A seguire un rimprovero per poca di fede a chi è già discepolo. L’impressione nostra è di essere sconvolti , di essere ormai perduti , l’impressione che Lui dorma mentre le cose sono sconvolte e noi abbiamo tanta paura. L’unione a lui passa da momenti come questo che si ripetono ancora oggi. Accettiamo ancora oggi i rimproveri di Gesù.

 

Vangelo Mt 8,23-27

+ Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, salito Gesù sulla barca, i suoi discepoli lo seguirono. Ed ecco, avvenne nel mare un grande sconvolgimento, tanto che la barca era coperta dalle onde; ma egli dormiva. Allora si accostarono a lui e lo svegliarono, dicendo: «Salvaci, Signore, siamo perduti!». Ed egli disse loro: «Perché avete paura, gente di poca fede?». Poi si alzò, minacciò i venti e il mare e ci fu grande bonaccia. Tutti, pieni di stupore, dicevano: «Chi è mai costui, che perfino i venti e il mare gli obbediscono?».

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

About admin