Lettera a Natalija Dmitrievna Fonvizina (Fedor Dostoevskij, 1854)

1200x630bfLettera a Natalija Dmitrievna Fonvizina (Fedor Dostoevskij, 1854)

Mario Adinolfi ha deciso di salvare nella sua “cassaforte impermeabile” questa lettera di Dostoevskij [la si può trovare all’interno del libretto Lettere sulla creatività, Ed. Universale Economica Feltrinelli] . Ce lo racconta con queste parole.

“Per il Credo più bello mai scritto in letteratura, modernissimo pur se ormai vecchio di quasi due secoli:

Di me le dirò che sono figlio del mio secolo, figlio della miscredenza e del dubbio, e non solo fino ad oggi, ma tale resterò (lo so con certezza) fino alla tomba. Quali terribili sofferenze mi è costata – e mi costa tuttora – questa sete di credere, che tanto più fortemente si fa sentire nella mia anima quando più forti mi appaiono gli argomenti ad essa contrari! Ciononostante Iddio mi manda talora degl’istanti in cui mi sento perfettamente sereno; in quegli istanti io scopro di amare e di essere amato dagli altri, e appunto in quegl’istanti io ho concepito un simbolo della fede, un Credo, in cui tutto per me è chiaro e santo. Questo Credo è molto semplice, e suona così: credere che non c’è nulla di più bello, di più profondo, più simpatico, più ragionevole, più virile e più perfetto di Cristo; anzi non soltanto non c’è, ma addirittura, con geloso amore, mi dico che non ci può essere. Non solo, ma arrivo a dire che se qualcuno mi dimostrasse che Cristo è fuori dalla verità e se fosse effettivamente vero che la verità non è in Cristo, ebbene io preferirei restare con Cristo piuttosto che con la verità.

Direi che la mia fede è tutta qui. Sto con Cristo anche se mi fosse dimostrato che il cristianesimo è tutto una favoletta. L’incontro con Cristo tramite il Vangelo è determinante e definitivo, per attrazione immediata verso la Persona che Cristo è.”

Antologia completa.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail