24 Maggio 2015 – Non prendersi in giro

Signorelli-luca-giudizio-universale-diavoliSenza di me non potete fare nulla. Gv 15,5 La pesantezza di questo “nulla”, uscito dalle labbra di Cristo, non può essere nascosta con sorrisi di plastica. Molto preteschi. Occorre riconoscerlo. La visione cristiana della vita parte da un pessimismo antropologico sulle possibilità dell’uomo. La Chiesa continua a celebrare la sua fede cantando la Sequenza di Pentecoste, ricordando che senza la forza dello Spirito di Cristo nulla è nell’uomo, nulla senza colpa.

San Paolo ci ricorda poi che questo “nulla” senza Cristo e senza il suo Spirito non è neutro, ma cupo e malvagio. Attivo di opere tenebrose. Per l’apostolo delle genti queste opere sono “ben note” e ne fa l’elenco.

Sono ben note le opere della carne: fornicazione, impurità, dissolutezza, idolatria, stregonerie, inimicizie, discordia, gelosia, dissensi, divisioni, fazioni, invidie, ubriachezze, orge e cose del genere. Galati 5,19-20

Traduciamo, per non prenderci in giro, in lingua corrente questo elenco. Perché, almeno, facendo degli esempi siano “ben note” anche a chi legge nel 2015. Fare sedute spiritiche, leggere e farsi leggere le carte, andare dai maghi, usare amuleti, sniffare cocaina, andare a prostitute, fare gli scambi di coppia, nutrirsi di pornografia senza opporre alcuna resistenza, ubriacarsi, partecipare a festini con orge, vivere senza contrastare l’invidia, la litigiosità, la propria ira, le proprie gelosie. Vivere perennemente in guerra contro tutto e contro tutti. Queste opere sono il nulla mortifero a cui conduce l’assenza di Dio. All’elenco seguono gli avvertimenti.

Riguardo a queste cose vi preavviso, come già ho detto: chi le compie non erediterà il regno di Dio Galati 5,21 … poiché se vivete secondo la carne, voi morirete Rm 8,13

Tutte queste azioni sono nulla e morte. Chi asseconda tutto questo non può avere Dio per Re, non può avere Cristo come Signore che regna su di lui. La speranza rifiorisce dalle parole che seguono, ma che senza la gravità di quelle precedenti finiscono per diventare buone notizie irrilevanti.

Vi dico dunque: camminate secondo lo Spirito e non sarete portati a soddisfare i desideri della carne. Galati 5,16-17
Se con l’aiuto dello Spirito voi fate morire le opere del corpo, vivrete. Tutti quelli infatti che sono guidati dallo Spirito di Dio, costoro sono figli di Dio. Rm 8,14

Buona notizia è scoprire che il fatto di sentire questi desideri malvagi in noi non è colpa. Un’intensa vita spirituale, di richiesta mendicante dello Spirito di Dio, non spegne questa tensione verso le opere mortifere della carne. Lo Spirito Santo porta solo a non soddisfare questi desideri. Buona notizia è che Gesù, vivente alla destra del Padre intercede per noi, come mediatore e garante della perenne effusione dello Spirito, per farci diventare figli di Dio.
Buona notizia è che lo Spirito Santo, che ci riveste di potenza dall’alto, è promesso dal Padre e dato a tutti quelli che lo implorano.

Io manderò su di voi quello che il Padre mio ha promesso; ma voi restate in città, finché non siate rivestiti di potenza dall’alto». Luca 24,49

Padre Maurizio Botta

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail