Buco nero (01/01/2016)

buco neroL’inutilità di Dio come un buco nero ha divorato tutto. Rendendo inutile l’Unico Necessario il mondo occidentale ha esposto all’inutilità tutte le realtà più preziose. Dichiarare che a un bambino basta l’amore e che non importa di che qualità sia questo amore, significa dire che la madre non è più imprescindibile. Culturalmente intendo. Spiegare nella scuola pubblica o in televisione ai più piccoli che un bambino può essere felice come gli altri bambini, purché amato, anche senza un amore materno, è dichiarare non indispensabile questo tipo di amore. Negare che l’amore di una donna madre abbia caratteristiche assolutamente differenti rispetto ad ogni altro tipo di amore è la negazione più assurda della realtà. È vero che molti sono stati allevati da nonne, zie e sorelle, ma queste ultime hanno sempre saputo di non essere la madre e l’ingiuria di questa terribile privazione è stata la molla per la loro donazione. Dono di donna per un bimbo senza la mamma. Diverso è il sorriso di plastica pronto a trasformarsi in urlo violento di chi pretende di dire che un bambino di questa madre non ha bisogno. Addirittura la sensibilità contemporanea piange e si commuove per il vitellino strappato alla mucca vedendo la sua istintiva e naturale reazione, ma per l’uomo no. Il mondo moderno avendo dimenticato Dio dopo aver combattuto con lui ora odia e combatte l’uomo. Per poterlo dimenticare.

Per il mondo, quindi, in questa espressione Maria Madre di Dio ci sarebbe il concentrato di ogni inutilità. Ma una regola insegna che ciò che il mondo disprezza è molto spesso ciò che c’è di più essenziale per vivere. E viceversa.

Propongo l’adorazione a Dio e la venerazione scelta per la Madonna come antidoti per non precipitare nell’inutilità. Adorare Dio nel silenzio davanti al Tabernacolo e venerare pubblicamente Maria per non diventare folli e irrazionali. Per salvaguardare il retto uso della ragione. Il giusto rispetto per ogni uomo, anche ateo, ci ha fatto dimenticare che il male più grande generatore di ogni violenza è l’ateismo proprio perchè innaturale e irrazionale. Nella formula pubblica di benedizione che Dio stesso insegna per benedire il suo popolo c’è infatti questa espressione: Il Signore rivolga a te il suo volto e ti conceda pace. La Pace scaturisce da una relazione, da uno sguardo divino, celeste. Implorare lo sguardo del Signore per ricevere la Pace come concessione, non come fabbricato, il mio augurio pubblico per questo anno che inizia.

di Padre Maurizio Botta C.O.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail