Vigili (22/1/2017)

Un fermo immagine tratto da Sky TG24 mostra il recupero di una bambina estratta viva dalle macerie ad Amatrice, 24 agosto 2016. ANSA/SKY TG24 - EDITORIAL USE ONLY

Audio Omelia

La parola “redenzione” è poco usata, eppure è fondamentale perché indica la più radicale liberazione che Dio poteva compiere per noi, per tutta l’umanità e per l’intera creazione. Sembra che l’uomo di oggi non ami più pensare di essere liberato e salvato da un intervento di Dio; l’uomo di oggi si illude infatti della propria libertà come forza per ottenere tutto. Si vanta anche di questo. Ma in realtà non è così. Quante illusioni vengono vendute sotto il pretesto della libertà e quante nuove schiavitù si creano ai nostri giorni in nome di una falsa libertà!

Ho voluto rileggervi, a quattro mesi di distanza, le parole che Papa Francesco pronunciò nell’udienza del 10 Settembre 2016, a un soffio dalla chiusura del Giubileo della Misericordia. La notizia buona infatti che spinge Gesù a insegnare in ogni sinagoga è il Regno dei cieli, il Regno di Dio, come, cioè, Dio agisce dentro alla carne della storia, come Dio opera. E Dio opera salvando, liberando. Questa redenzione è vicina, a portata di sussurro.

Io vi farò pescatori di uomini…

Frase gravida. Gravida di speranza, di forza. È l’azione sua che ci rende salvatori dal Male. I pesci fuori dal mare muoiono. Gli uomini solo fuori dal Male vivono. E il Male è tenebre. E il Male è freddo. E il Male è paura. Il Male è buio freddo e tenebroso. Il Male è prigionia e schiavitù. Forgiati da Dio per estrarre dal gelo di una vita senza senso, senza luce, senza calore. Non solo accudimento. Non solo ferite leccate. Non solo accompagnamento, ma salvezza. Tirar fuori dalle tenebre. “Ma noi non possiamo salvare nessuno…”. Vero. Lui può salvare. Lui vuole salvare. Lui unendoci a sé ci fa salvatori in Lui. Gesù opera per addestrare alla salvezza, non ci fa solo confortatori di uomini che muoiono di freddo nelle tenebre. Non ci rende leccatori di feriti. Ci rende vigili del fuoco. Perché evidentemente lui vede così gli uomini. Li vede sotto. Sott’acqua, sotto le macerie, prigionieri, spaventati, al buio. Stanchi e sfiniti.

Senza di Lui, autonomamente, è come voler uccidere la Balena Bianca. Il Leviathan ha troppo dura la scorza. Al massimo ed è già molto qualche volta salviamo i corpi, la vita biologica, ma se questi salvataggi sono così eloquenti e commoventi, cosa sarà quando vedremo come Dio ci salva?  Se i volontari della Protezione Civile sono capaci con il loro sacrificio e il loro coraggio umano di bucare il muro dell’indifferenza di così tante persone, cosa diremo quando scopriremo lo sforzo divino di Salvezza profuso per noi da Gesù Cristo? Quando alla fine, finalmente, comprenderemo quanta luce e forza promana dai Suoi Sacramenti?

Sarà un pianto doloroso, ma purificatore. Piangeremo per il Bene che potevamo fare se fossimo usciti da quelle tenebre. Piangeremo per aver sussurato solo all’ultimo quella preghiera. Quella preghiera sussurata che l’Amore aspettava per rispettarci, perchè ci fosse la libertà dell’amore. La preghiera che fa crescere il Regno di Dio: “Salvami, regna su di me!”.

di Padre Maurizio Botta C.O.


 

Firefighters (22/01/2017)

The word “redemption” is not often used, yet it is fundamental because it indicates the most radical liberation that God could fulfil for us, for all of humanity and for all of creation. It seems that man today no longer likes to think he has been freed and saved through God’s intervention; he deludes himself that his freedom is a force for obtaining everything. But in reality this is not the case. How many illusions are sold on the pretext of freedom, and how many new forms of slavery are created in our times in the name of a false freedom!

Today, four months later, I wanted to read again to you these words, pronounced by Pope Francis during his general audience of September 10th, 2016, right before the end of the Jubilee of Mercy. The good news that compels Jesus to teach in every Synagogue is the Kingdom of Heaven, the Kingdom of God, i.e. how God acts within the flesh of history, his modus operandi. And God operates by saving, by liberating. This redemption is close; it can be whispered from one ear into another.

I will make you fishers of men (Matthew 4, 19)

This is a sentence full of promise. Full of hope, full of strength. It is His action that enables us to become saviours ourselves, thus saving others from Evil. Fish die when they are out of the water, while being out of the Evil is the only way for men to be alive. And Evil is cold. Evil is fear. Evil is cold and gloomy darkness. Evil is captivity and slavery. Forged by God to pull out of the chill of a life with no meaning, no light, no warmth. It’s not just “looking after”. It’s not just wounds-licking. It’s not just guiding: it’s saving. It’s pulling out of darkness. “But we cannot save anyone ourselves…”. True. It’s Him who can save. He wants to save. And He makes us into saviours within Him, by uniting us to Him.  Jesus acts in order to train us to save others, he doesn’t make us simple consolers of men who are freezing to death in the darkness. He doesn’t make us simple wounds-lickers. He makes us firefighters. Because this is how he must see men: he sees them being under. Underwater, under the debris, imprisoned, scared, in the darkness. Tired and wounded.

Without Him, autonomously, it is like wanting to kill Moby Dick: the Leviathan’s skin is too thick for us alone. The maximum we can reach, and it already is a lot, would be to sometimes be able to rescue bodies, to save biological lives. And if we are so moved by such[1] rescuing, if we feel like this experience speaks to us, what will it be like when we will see how God rescues us, how God saves us? If those volunteers working for the Civil Protection can pierce the wall of indifference of so many people with their sacrifice and their human bravery, what will we say when we will find out the divine effort of Salvation that Jesus Christ generously gave for us? (What will we say) when, at the very end, finally, we will understand how much light and strength emanates from His Sacraments?

It will be a cry of anguish, but it will be a purifying cry. We will cry over the Good we could have done, had we come out of that darkness. We will cry over not whispering that prayer until the very end. That whispered prayer, which Love was respectfully waiting for, so that freedom (a trait of love) could be preserved. The prayer that makes the Kingdom of God grow: “Save me, reign over me!”.

by Fr. Maurizio Botta C.O.

 

[1] The homily was given in the wake of the rescuing of 9 people trapped under the snow, four days after an avalanche slammed into hotel Rigopiano in Italy’s central Apennines mountains.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail