Un minuto sul Vangelo di oggi (08/10/2016)

103249325-55603f9a-1ba9-4b1c-90f9-70de0bc1c0b5In quel tempo, mentre Gesù parlava, una donna dalla folla alzò la voce e gli disse: «Beato il grembo che ti ha portato e il seno che ti ha allattato!». Ma egli disse: «Beati piuttosto coloro che ascoltano la parola di Dio e la osservano!».

Gesù suscita entusiasmo nella folla, un entusiasmo incontenibile. Una donna urla a squarcia gola per farsi sentire. La sua affermazione sembrerebbe scontata: “Che fortuna tua madre che ha un figlio come te! Perché dici cose così belle in modo così autorevole! Che bello ascoltarti vorrei essere io tua madre, vorrei avere io un figlio come te!” In queste affermazioni emerge una certa idea di felicità, di beatitudine. Felicità un po’ casuale, che ti capita, ti viene addosso, come una Dea Bendata!

La risposta di Gesù è una correzione. La beatitudine, la felicità proviene dall’ascolto e dalla custodia di una Parola Vivente. La Felicità è frutto di una relazione, non è casuale. Il Dono è Immenso, ti Supera, è immeritato, ma implica sempre il tutto di tutta la tua libertà.

di Padre Maurizio Botta C.O.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail